Tag Archives: Clint Eastwood

I ponti di Madison County

I ponti di Madison County regia di Clint Eastwood, 1995

The Collected Poems of W.B.Yeats di William Butler Yeats
Four days remembering di Robert Kincaid

Vediamo Francesca (Meryl Streep), seduta nella veranda della fattoria nell’Iowa, la sera dopo il primo incontro con Robert (Clint Eastwood), con il libro di poesie di Yeats.

Quando poi Francesca riceverà, dopo la morte di Robert,  una scatolone e tra le molte cose di Robert ci sarà anche un libro di fotografie con la dedica e una poesia di Byron.

There Is Pleasure In The Pathless Woods
There is a pleasure in the pathless woods,
There is a rapture on the lonely shore,
There is society, where none intrudes,
By the deep sea, and music in its roar:
I love not man the less, but Nature more,
From these our interviews, in which I steal
From all I may be, or have been before,
To mingle with the Universe, and feel
What I can ne’er express, yet cannot all conceal.

Traduzione:
Cè un piacere in questi boschi senza sentiero
Cè un piacere in questi boschi senza sentiero,
C’è un’estasi sulla riva solitaria,
C’è una società,dove nessuno si intromette,
Presso il mare profondo,e la musica nel suo ruggito:
Non amo meno gli uomini,ma la natura di più,
Da queste nostre interviste,nelle quali io rubo
da tutto ciò che forse sono,o che sono stato prima.
Per mescolarsi con l’Universo,e sentire
Cosa non ho mai potuto esprimere,ancora non tutti lo possono celare.

[film segnalato da Paolo Porfiri]


 

Gli spietati

Gli spietati regia di Clint Eastwood, 1992

The Duke of Death (Il barone della morte) di Beauchamp

Il libro che il signor Beauchamp (Saul Rubineck), mostra allo scerifo è The Duke of Death, scritto da lui stesso, biografo di storie di pistoleri.

Una curiosità è che nella traduzione lo sceriffo Little Bill (Gene Hackman) dice ‘Il baro della morte’ e il cacciatore di taglie Bob “l’inglese” (Richard Harris) lo corregge dicendo “Il barone …” il gioco dell’assonanza in inglese fra Duck e Duke viene riportato in italiano con baro e barone.
Il gioco si ripete nella scena in cui Bob “l’inglese” è in cella e lo sceriffo sfoglia la biografia di Bob e le sue ‘imprese’.

Ovviamente non esiste ne il libro ne lo scrittore.


Hereafter

Hereafter, regia di Clint Eastwood, 2010

♦ Hereafter A Cospiracy of Silence di Marie Lelay
Lord of Flies [Il signore delle mosche] di William Golding
The Bell Jar [La campana di vetro] di Sylvia Plath
A Pale View of Hills [Un pallido orizzonte di colline]di Kazuo Ishiguro
Bliss [Estasi] di Peter Carey
The Buddha of Suburbia [Il Budda delle periferie] Hanif Kureishi
Small Wars di Sadie Jones
The darkest room [La tormenta di neve] di Johan Theorin
A Thousand Splendid Suns [Mille splendidi soli] di Khaled Hosseini

Il libro Hereafter è quello della presunta scrittrice Marie Lelay (Cécile de France) e appare nelle scene finali alla fiera del libro di Londra, dopo la lettura l’autrice firma la copia anche a George (Matt Damon).

 

L’apparizione degli altri libri elencati avviene attraverso i cartelloni presenti negli stand della fiera, uno in particolare ne racchiude svariati.