Tag Archives: William Shakespeare

Bande à part

Bande à part regia di Jean-Luc Godard, 1964

Romeo and Juliet [Romeo e Giulietta] di  William Shakespeare
Odile di Raymond Queneau

Vediamo all’inizio del film Arthur (Claude Brasseur), e Frantz (Sami Frey),  mentre sono in macchina e Arthur legge un fumetto della serie Les Hommes Volants.

Al corso d’inglese l’insegnante prenderà il libro di Shakespeare e farà fare una traduzione agli allievi leggendo il seguente brano:

GIULIETTA Coraggio vattene, allora! Da qui io non me ne andrò.
Cos’è questa? Una coppa stretta tra le mani del mio fedele amore? Capisco, è stato il veleno ad accelerare la sua fine. Oh, crudele! L’hai bevuto tutto, senza neanche lasciarne una goccia amica che mi aiutasse a seguirti. Voglio baciare le tue labbra. Forse su di esse c’è ancora abbastanza veleno, capace d’uccidermi con questo conforto. Io Muoio!
Il terreno è coperto di sangue. Frugate il cimitero. Andate voialtri. E chiunque troviate, fermatelo.
Triste spettacolo! Qui giace il Conte, ucciso, e là Giulietta, nel suo sangue ancora tiepida, lei che da due giorni era stata sepolta! Coraggio, avvisate il Principe. 
Conosciamo i luoghi dove si sono svolti questi drammi. Ma è anche opportuno chiarirne le circostanze.
Mille volte più cupa.
Mille volte più cupa è la sera che perde il fulgore della tua presenza.
L’amore va incontro all’amore con l’aria felice che hanno gli scolari che escono da scuola. L’amore corre ad incontrar l’amore 
con la gioia con cui gli scolaretti fuggon dai loro libri; ma l’amore che deve separarsi dall’amore ha il volto triste degli scolaretti quando tornano a scuola…

In un momento successivo Frantz si fermerà a comprare il libro di Queneau da un venditore sul lungosenna e poi in auto con Arthur alla guida ne leggerà alcuni passi a Odile.

Anglares raccontò una storia commovente, stupida e cupa. Un signore si presenta in albergo e chiede una stanza. Era la numero 35. Scese e nel restituire la chiave disse:
Scusi non ho memoria. Ogni volta che tornerò le dirò il mio nome, signor Delouille, e lei mi ripeterà il numero della mia stanza.
Bene Signore.
Poco tempo dopo torna.
Signor Delouille
É la numero 35.
Grazie.
Un minuto dopo un signore molto agitato e ricoperto di fango, insanguinato e quasi irriconoscibile si presenta:
Signor Delouille.
Come? Il signor Delouille è appena salito.
Sono io, sono caduto dalla finestra. Il numero della stanza?


Di Jean-Luc Godard erano già entrati a far parte di Librineifilm Due o tre cose che so di lei eil film Questa è la mia vita.

La tragedia di Shakespeare Romeo e Giulietta appare per la terza volta in Librineifilm, mentre di Raymond Queneau era già entrato a far parte di Librineifilm con Zazie nel metrò.


 


Matilda 6 mitica

Matilda 6 mitica regia di Danny DeVito, 1996

♦ The Pickwick Papers [Il circolo Pickwick] di Charles Dickens
Lorna Doone di Richard Doddridge
The Adventures of Tom Sawyer [Le avventure di Tom Sawyer] di Mark Twain
For Whom the Bell Tolls [Per chi suona la campana] di Ernest Hemingway
Kim di Rudyard Kipling
Lord Jim di Joseph Conrad
Sonnets di William Shakespeare
From Here to Eternity [Da qui all’eternità] di James Jones
Ivanhoe di Walter Scott
The Catcher in the Rye [Il giovane Holden] di J. D. Salinger
Oliver Twist di Charles Dickens
Moby Dick di Herman Melville
♦ The Wind in the Willows [Il vento tra i salici] di Kenneth Grahame

Molti libri si vedono sul carretto che usa Matilda (Mara Wilson), per portarsi i libri a casa dalla biblioteca, altri sono riconoscibili fra quelli disposti sul pavimento della sua camera.

Matilda6Mitica_Logo05

Matilda6Mitica_Logo02

Matilda6Mitica_Logo03

Matilda6Mitica_Logo10

Matilda6Mitica_Logo14

Mentre il padre, la madre e il fratello guardano programmi demenziali alla televisione Matilda legge Moby Dice che il padre gli toglierà di mano e ne strapperà anche le pagine.

Matilda6Mitica_Logo18

Matilda6Mitica_Logo21

Quando la maestra Honey (Embeth Davidtz), va a trovare la famiglia Wormwood andandosene lascerà il libro di GrahameMatilda6Mitica_Logo24Nella scena finale vedremo Matilda che leggerà insieme alla signorina Honey Moby Dick .

Matilda6Mitica_Logo30


Il regista era già apparso con il film Duplex – Un appartamento per tre. 

 

Per quanto riguarda i libri possiamo dire che Lorna DooneKim  e Da qui all’eternità sono alla prima apparizione in Librineifilm come ovviamente i loro autori, mentre Il circolo Pickwick, Oliver Twist, Per chi suona la campana sono delle new entry in Librineifilm ma loro autori erano già presenti con almeno un libro.
Lord Jim, Il vento tra i salici e Ivanhoe, sono alla seconda presenza, Le avventure di Tom Sawyer e I sonetti di Shakespeare, sono alla terza presenza, Moby Dick invece raggiunge le cinque presenze, ma Il giovane Holden primeggia con otto presenze.


10 cose che odio di te

10 cose che odio di te regia di Gil Junger, 1999

The Bell Jar [La campana di vetro] di Sylvia Plath
French for daily life di Ashley Kravitz
The poems & sonnets of William Shakespeare di William Shakespeare
Like Mother, Like Daughter di Debra Waterhouse
Ten Stupid Things Men Do to Mess Up Their Lives di Laura C. Schlessinger
Principle-Centered Leadership di Stephen R. Covey
First Things First [Le prime cose al primo posto] di Stephen R. Covey, A. Roger Merrill, Rebecca R. Merrill
The 7 Habits of Highly Effective People [Le sette regole per avere successo] di Stephen R. Covey
The Power Principle di Blaine Lee
The Feminine Mystique [La mistica della femminilità] di Betty Friedan

Nella parte iniziale del film vediamo Kat (Julia Stiles), che legge il libro della Path, comodamente in poltrona.

10CoseCheOdioDiTe- 11

10CoseCheOdioDiTe- 14

Quando Cameron James (Joseph Gordon-Levitt), andrà a chiedere a Patrick  (Heath Ledger), di uscire con Kat ne riceverà un foro sul libro di francese.

10CoseCheOdioDiTe- 19

10CoseCheOdioDiTe- 20

In classe alla lezione di letteratura il professore dirà agli studenti di andare al sonetto 141 di  Shakespeare e inizierà a recitare in chiave rap:

In verità non ti amo con i miei occhi
perchè notano in te mille difetti
ma è il mio cuore ad amare ciò che
essi disprezzano a dispetto della vista
si compiace di languire.

10CoseCheOdioDiTe- 31

Quando Patrick accompagnerà Kat a scegliere una chitarra ne sono individuabili alcuni sui visori poi dopo che Patrick chiede a Kat il libro sulla Mistica femminile della Friedan.

10CoseCheOdioDiTe- 32

10CoseCheOdioDiTe- 37

10CoseCheOdioDiTe- 39

10CoseCheOdioDiTe- 52


Il libro della Path era già apparso nel film:

Hereafter

I sonetti di Shakespeare erano già apparsi nel film:

Ragione e sentimento


Ragione e sentimento

Ragione e sentimento regia di Ang Lee, 1995

I sonetti di William Shakespeare
Sonetti di Hartley Coleridge
The Faerie Queene [La regina delle fate] di Edmund Spenser

 

Edward Ferrars (Hugh Grant), si troverà a leggere, manifestando le sue lacune in dizione, a Marianne Dashwood (Kate Winslet), i Sonetti di Shakespeare.

… Nè Voce Divina chetò la Tempesta,
ne raggio di Luce arrivò,
quando più ognor soccorro
s’appresta per suo conto ciascuno spirò.
Ma sommersa in più impetuoso mare
più che la sua l’anima mia dovrà restare

Marianne entrerà poi in camera della sorella Elinor (Emma Thompson), leggendo il sonetto VII di Coleridge.

 

È l’amore un capriccio o un sentimento?
No, è immortale come la verità incorrotta.
Non è come un fiore che si sfoglia
quando la gioventù cade dal gambo della vita,
poichè crescerà persino in regioni aride
dove non scorre acqua
nè un raggio di speranza inganna le tenebre.

In una delle ultime scene del film vedremo il  Colonnello Brandon (Alan Rickman), recitare a Marianne un sonetto di Spenser.

 

Poiché quel che in un luogo cade e l’acqua adorna,
sospinto è in altro sito dal flusso di rimando,
poiché nulla è perduto che non si possa ritrovare,
cercando….

[film segnalato da Carlo Cattaneo]


Margaret

Margaret regia di Kenneth Lonergan, 2011

Re lear di William Shakespeare
An Accidental Cowboy di Jameson Parker
Poems di Gerald Manley Hopkins

Durante una lezione il professore  di letteratura John (Matthew Broderick), nella classe di Lisa Cohen (Anna Paquin), sono letti alcuni passi dalla tragedia di Shakespeare:

 DUCA DI BORGOGNA – Regale maestà, non chiedo più di quanto l’altezza Vostra ha offerto, ne Voi offrirete meno.
RE LEAR – Nobilissimo Borgogna, quando ella ci era cara tale era il suo valore, ora il suo prezzo è sceso.

Lisa invita a casa un amico e lui entrando noterà nella libreria dell’ingresso un libro sul terzo reich che gli era piaciuto molto.

Lisa si recherà a casa di Emily Morrison (Jeannie Berlin), per un commemorare l’amica Monica morta in un incidente, dietro Emily è riconoscibile il libro di Jameson Parker.

In una scena successiva, sempre nella classe di Lisa, il professore legge una poesia di Gerald Manley Hopkins del 1880 intitolata Spring and Fall, dedicata “To a young child” di nome Margaret:

 A una bambina

Margherita, ti rattrista
che Goldengrove perda le foglie?
Le foglie, come le cose umane, con i tuoi
freschi pensieri tu le curi, puoi?
Ah, ma il cuore indurendo via via
più freddo a quella vista non spende
un sospiro, anche se mondi di foglie
frantumate giacciono morte spoglie;
però tu piangerai e saprai perché.
Ora, bambina, non importa il nome:
le fonti del dolore sono uguali.
Né la bocca, o la mente, aveva detto
ciò che il cuore sentiva e l’anima intuiva:
per il danno cui l’uomo è nato,
per Margherita, per te stessa piangi.

Nella classe di Lisa continua l’analisi del Re Lear, con il professore che legge il passo seguente, a cui seguirà un’animata discussione:

Come mosche per i monelli così noi siamo per gli dei: ci uccidono per divertimento.


 

 

Hitch – Lui sì che capisce le donne

Hitch – Lui sì che capisce le donne regia di Andy Tennant, 2005

Romeo and Juliet [Romeo e Giulietta] di William Shakespeare

Il libro di Shakespeare appoggiato sul comodino di Mika (Navia Nguyen), viene inquadrato all’inizio del film sia durante i titoli di testa che in una scena successiva.



 

An Education

An Education regia di Lone Scherfig, 2009

Jane Eyre di Charlotte Brontë
The outsider [Lo straniero] di Albert Camus
The Lion, the Witch, and the Wardrobe [Il leone, la strega e l’armadio] di C.S. Lewis
New Latin Dictionary di D.P. Simpson
King Lear [Re Lear] di William Shakespeare

Il libro della Brontë lo vediamo già all’inizio del film in mano ad una ragazza in classe, lo rivedremo poi sul banco di Jenny Miller (Carey Mulligan), quando l’insegnante riconsegnerà un compito.

Vediamo Jenny, insieme ad altre ragazze della classe all’interno di un pub, con il libro di Camus.

In un’occasione David (Peter Sarsgaard), scriverà una dedica sul libro che regalerà a Jenny delle Cronache di Narnia e che lei, molto soddisfatta, mostrerà al padre Jack (Alfred Molina) e alla madre Marjorie (Cara Seymour).

Per il compleanno Jenny, riceverà da un coetaneo il dizionario di latino.

Jenny ritroverà l’entusiasmo per lo studio e con la sua insegnante Miss Stubbs (Olivia Williams), la vediamo in classe alle prese con Re Lear.


Blood Story

Blood Story regia di Matt Reeves, 2010

Romeo and Juliet [Romeo e Giulietta] di  William Shakespeare

In uno degli incontri notturni fra Abby (Chloë Grace Moretz) e Owen (Kodi Smit-McPhee), il ragazzo, tirando fuori alcune cose dallo zainetto, mostra il libro di Shakespeare che sta leggendo per la scuola e che ritiene noioso.

Vediamo poi il libro di Shakespeare, sul quale Abby ha lasciato il biglietto con scritto:

Devo partire e vivere o restare e morire

Nel tragitto in autobus, che porterà i ragazzi della scuola a giocare sul ghiaccio, vediamo Owen mentre legge  Romeo e Giulietta.


Il pianista

Il pianista regia di Roman Polanski, 2002

Il mercante di Venezia di William Shakespeare

Il pianista Władysław Szpilman (Adrien Brody), trascinato in un centro per l’avviamento alla deportazione, chiede ad un giovane cosa stia leggendo e si sente rispondere:

… Se ci pungete, non sanguiniamo, se ci fate il solletico, non ridiamo, se ci avvelenate, non moriamo. E se ci fate un torto, non cercheremo di vendicarci…

Sono frasi tratte da Il mercante di Venezia, il libro che mostrerà a Władysław.


 

Fahrenheit 451

Fahrenheit 451 regia di François Truffaut, 1966

In ricordo di Ray Bradbury
(Waukegan, agosto 1920 – Los Angeles, giugno 2012)

Don Quixote [Don Chisciotte] di Miguel de Cervantes
The Picture of Dorian Gray [Il ritratto di Dorian Gray] di Oscar Wilde
The Moon and Sixpence [La luna e sei soldi] di W. Somerset Maugham
David Copperfield di Charles Dickens
Lewis et Irène di Paul Morand
Othello, the Moor of Venice di William Shakespeare
Vanity Fair [La fiera delle vanità] di William Makepeace Thackeray
Madame Bovary di Gustave Flaubert
Le Monde à côté di Gyp
Alice’s adventures in Wonderland & Through the looking-glass
[Le avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie] di Lewis Carroll
She Might Have Been Queen di Geoffrey Bocca
Mein Kampf
di Adolf Hitler
Interglossa
di Lancelot Hogben
The World af Salvador Dalì
by Robert Descharnes
Les Negres
di Jean Genet
My Auto-Biography
di Charlie Chaplin
Robert ce soir
di Pierre Klossowski
Confessions of an Irish Rebel [Confessioni di un ribelle irlandese] di Brendan Behan
Moby Dick di Herman Melville
The Adventures of Tom Sawyer [Le avventure di Tom Sawyer] di Mark Twain
Sermons and Soda Water di John O’Hara
The Mystery of Jack the Ripper
di Leonard Warburton Matters
Fathers and Sons 
[Padri e figli] di Ivan Turgenev
The Thief’s Journal
[Diario del ladro] di Jean Genet
Jane Eyre di Charlotte Bronte
Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi
Rebus: Roman di Paul Gégauff
The Catcher in the Rye [Il giovane Holden] di J. D. Salinger
Zazie Dans Le Metro [Zazie nel metrò] di Raymond Queneau
Journal of the plague year [La peste di Londra] di Daniel Defoe
In ze pocket di Walter S. Tevis
Mad Stuff di Willie Fennell
The brothers Karamàzov [I fratelli Karamàzov] di Fëdor Dostoevskij
Lolita di Vladimir Vladimir Nabokov

Il film inizia con l’irruzione della squadra dei pompieri in un appartamento dove trovano il Don Chisciotte nascosto in un lampadario e altri libri nel televisore e nel mobile condizionatore.

Il bambino ha in mano il libro La luna e sei soldi, che gli viene tolto di mano e gettato fra gli altri per il rogo, dove si vede anche il libro di O. Wilde.

Quando Montag (Oskar Werner) arriva a casa, mentre la moglie sta dormendo, recupera il libro nascosto di Dickens e ne inizia la lettura.

1
Nasco
Se io stesso risulterò essere l’eroe della mia stessa vita, o se questa mia posizione sarà occupata da qualcun altro, è cosa che sarà decisa. Intanto, per cominciare la storia della mia vita col principio di essa registro il fatto di essere nato (a quanto mi si dice e credo) di venerdì a mezzanotte. Fu osservato che l’orologio cominciò a rintoccare e io a vagire simultaneamente.

Assistianmo all’irruzione dei pompieri nella casa della vicina che aveva iniziato Montag alla lettura, dove le inquadrature sui libri sono svariate.

Montag al rientro a casa riprenderà il libro di David Copperfield e leggerà a sua moglie e alle amiche, suscitanto in loro forte commozione, i seguenti passi;

… «Non v’è peggiore disparità nel matrimonio del disaccordo in fatto di carattere e di idee». Neppure queste parole avevo dimenticate. M’ero sforzato di adattare Dora a me, e non c’ero riuscito. Non mi restava che adattarmi a Dora, per essere felice . . .  E così il secondo anno fu molto più felice del primo; e, cosa ancora migliore, la vita di Dora fu piena di sole. Ma col passare dell’anno, Dora divenne debole. Speravo che delle manine più lievi l’avrebbero rafforzata… e che un sorriso sul seno avrebbe fatto di lei una donna. Non era destino. La mia piccola Dora. Pensavamo che entro pochi giorni l’avremmo vista correre qua e là… ma ci dissero di aspettare ancora qualche giorno, e poi ancora…  eppure continuava a non correre e neanche a camminare. Iniziai a portarla di sotto in braccio ogni mattina, e di sopra ogni sera ma a volte, quando la portavo su, la sentivo più leggera tra le braccia.  Mi coglieva una sensazione di vuoto mortale come se mi stessi avvicinando ad una regione gelata ancora invisibile che mi rendeva insensibile. Evitavo di riconoscere questa sensazione con un nome o di soffermarmici a riflettere fino ad una certa notte, quando la sensazione era molto forte e la mia mano l’aveva lasciata col consueto: ‘Addio, piccolo bocciolo’. Mi sedetti alla scrivania da solo e cercai di pensare a come fosse fatale quel nomignolo e a come il bocciolo si fosse avvizzito senza sbocciare rimanendo sul ramo. …

Montag al rientro a casa riprenderà il libro di David Copperfield e leggerà a sua moglie e alle amiche, suscitanto in loro forte commozione, i seguenti passi:

Vedremo poi dopo il tradimento della moglie Montag costretto a bruciare i propri libri e fra le fiamme è possibile riconoscerne molti.