Tag Archives: 1985

Fuori orario

Fuori orario regia di Martin Scorsese, 1985

Tropic of cancer [Tropico del cancro] di Henry Miller
Reconstruction and rehabilitation of the burned patient di Irving Feller e William C. Grabb

All’inizio del film possiamo vedere Paul (Griffin Dunne), in una tavola calda mentre è intento nella lettura del libro di Miller.

FuoriOrario - 03

FuoriOrario - 01

La ragazza di fronte a Paul, notandolo gli dice: – Adoro quel libro -. alla replica di Paul che Miller è favoloso, la ragazza continua:

– Questo non è un libro, è un prolungato insulto. E’ uno scaracchio in faccia all’arte, un calcio in culo a divinità, bellezza e verità. O qualcosa del genere -.

FuoriOrario - 06

FuoriOrario - 07

Il libro di Miller gli servirà per appuntarsi il numero di telefono della ragazza Marcy (Rosanna Arquette).

FuoriOrario - 12

FuoriOrario - 13

Successivamente vedremo Paul inuriosirsi di un libro medico presente in casa di Marcy.

FuoriOrario - 16

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Il libro di Henry Miller era già entrato in Librineifilm nel film Final destination.

Di Martin Scorsese avevo già inserito il film Cape Fear – Il promontorio della paura nel quale veniva inquadrato Sexus. il libro di Miller.

—————————————————————————————————————————

 

La mia Africa

La mia Africa regia di Sydney Pollack, 1985

A Shropshire Lad [Un ragazzo dello Shropshire] di Alfred Edward Housman

Nelle scene finali vediamo Karen (Meryl Streep), leggere a commemorazione dell’amato Denys (Robert Redford), la poesia tratta dalla raccolta Un ragazzo dello Shropshire  ‘To An Athlete Dying Young‘:

Il giorno che hai vinto la gara per la tua citta
ti abbiamo applaudito sulla piazza del mercato.
Uomini e ragazzi si fermavano ad acclamarti
quando ti abbiamo portato a casa sulle nostre spalle.

Ragazzo scaltro, sei fuggito per tempo dai campi
dove la gloria non si ferma,

Presto tuttavia nasce l’alloro
e avvizzisce più in fretta della rosa


Ora tu non andrai a raggiungere la schiera di ragazzi
il cui tempo degli onori è svanito,
corridori che la loro fama ha superato
e il nome muore prima dell’uomo.

Intorno al capo subito cinto dall’alloro
si raccoglieranno a guardare i morti senza vigore
e fra le tue ciocche di capelli troveranno intatta
una ghirlanda,  piccola come di fanciulla.

  


Fandango

Fandango regia di Kevin Reynolds, 1985

Steppenwolf [Il lupo della steppa] di Hermann Hesse
Being and Nothingness [L’essere e il nulla] di Jean-Paul Sartre
The prophet [Il profeta] di Kahlil Gibran

Vediamo, fin dai titoli di testa, Dorman (Chuck Bush), in auto, oltre che a bere birra, intento a leggere  Il lupo della steppa,

In seguito lo vedremo con L’essere e il nulla di di Sarte e poi con Il profeta di Kahlil Gibran

Si può notare che la stessa edizione del libro di Sartre apparirà nel film Identità del 2003

Doman lo vedremo leggere anche un fumetto de L’incredibile Hulk, lo segnalo per evidenziare l’eterogeneità degli interessi del personaggio, visto che questo spazio non è ‘Fumetti nei film’.

[film segnalato da ilgiovanestolten]


 

Il gioco del falco

Il gioco del falco, regia di John Schlesinger, 1985

Poesie di Alfred Tennyson;
Epitaph for a spy [Epitaffio per una spia] di Eric Ambler;
The Schirmer Inheritance [Il caso Shirmer] di Eric Ambler;
The Penkovskiy Papers di Oleg Penkovskiy

Il libro di Tennyson non è ben identificabile, ma la poesia che Charlie Boyce (Pat Hingle), inizia a recitare “Mezza lega, mezza lega avanti, una mezza lega …” e che poi il figlio Christopher (Timothy Hutton) gli dimostra di ben ricordare è ‘La carica della brigata leggera’.

“La carica della brigata leggera” di Tennyson

Mezza lega, mezza lega,

ancora mezza lega,

tutti nella valle della Morte,

cavalcavano i Seicento.

Avanti, uomini della Brigata Leggera disse.

Nella valle della Morte

cavalcavano i Seicento.

Avanti, uomini della Brigata Leggera!

C’era chi provava sgomento?

Anche se i soldati sapevano

che qualcuno s’era sbagliato

non stava a loro darsi risposte,

né domandarsi il perché,

ma solo combattere e morire;

nella valle della Morte

cavalcavano i Seicento.

Gli altri libri menzionati sono tutti inquadrati nella scena della visita di Christopher all’appartamento di Daulton (Sean Penn).